Area stampa arrow-right icon

28 novembre: Focus Città Metropolitane a Napoli

News

calendar icon24 novembre 2022
La giornata dedicata alle politiche culturali per lo spettacolo dal vivo nell'ambito delle Città metropolitane, ospitata a Napoli il prossimo 28 novembre, si preannuncia - tra tavoli di lavoro, confronti e dibattiti - assai ricca e variegata.

Gli incontri curati dall’Associazione Culturale Ateatro ETS sono da sempre aperti ad amministratori, funzionari pubblici, studiosi, docenti universitari, studenti, osservatori e, naturalmente, a operatori teatrali, dalle grandi istituzioni alle realtà indipendenti. Gli interrogativi attorno a cui ruoterà la giornata di incontro dedicata alle Politiche culturali nell’ambito delle Città metropolitane per lo spettacolo dal vivo sono i seguenti:

  • le città metropolitane si configurano oggi e in futuro come possibili soggetti interlocutori di politiche e azioni di spettacolo dal vivo sui e per i territori?
  • in che modo possono essere degli interlocutori? Quali spazi possono sostenere e garantire in un sistema complessivo che fatica a definire ambiti e funzioni?

I tavoli previsti per la giornata rifletteranno su:

  • una definizione puntuale del quadro giuridico-istituzionale entro cui operano le Città metropolitane e i profili istituzionali di una riforma “incompiuta”, per inquadrare lo status quo legislativo e normativo, le possibili evoluzioni e le inevitabili involuzioni; al tavolo parteciperanno tra gli altri Daniele Donati e Marina Caporale (Università Ca’ Foscari di Venezia) e da Pierpaolo Forte (Università del Sannio);
  • una riflessione sulle strategie nazionali, con il coinvolgimento del MIC e dell’Anci;
  • le attuali politiche delle Città metropolitane per lo spettacolo dal vivo, con la partecipazione di diversi Assessori e funzionari delle amministrazioni coinvolte;
  • il punto di vista di alcuni osservatori privilegiati nella prospettiva del welfare, della riqualificazione urbana, del raffronto con le politiche nazionali e regionali, del lavoro, tenendo conto anche del recente bando FUS Periferie;
  • un’analisi delle modalità e di alcune pratiche amministrative che nel corso di questi anni hanno adottato interessanti modelli di relazione tra il settore dello spettacolo dal vivo e gli enti locali;
  • le testimonianze dirette di esperienze e pratiche, dai progetti diffusi nel territorio e nelle “periferie” ai festival, con particolare attenzione alla cosiddetta questione meridionale, partendo da Napoli, che ospita la giornata di studi e riflessioni.

Per ulteriori info, clicca qui.


Tra i partecipanti, anche il direttore della Fondazione Piemonte dal Vivo, Matteo Negrin, con un intervento dal titolo “Quale luogo per il teatro nella città di 15 minuti”, riferimento al concetto urbano-residenziale che vuole la maggior parte delle necessità quotidiane dei residenti di un città soddisfatta spostandosi a piedi o in bicicletta, direttamente dalle proprie abitazioni. La nozione – resa popolare dalla sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, e descritta come una sorta di “ritorno a uno stile di vita locale” – si ispira ad analoghe formulazioni dello scienziato franco-colombiano Carlos Moreno. Le cosiddette città di 15 minuti si articolano al proprio interno in una serie di quartieri di 5 minuti, noti anche come “comunità complete” o “quartieri percorribili a piedi”.

 

Potrebbero interessarti

News

La scena (in) centrifuga

Convegno di studi a Torino, il 3 e 4 ottobre 2023  

calendar icon11 settembre 2023
News

DANZA URBANA XL 2024

Le creazioni vincitrici

calendar icon28 marzo 2024
News

SCINTILLE 2023

selezionati i finalisti

calendar icon08 giugno 2023

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!