Area stampa arrow-right icon

A teatro per la Giornata della Memoria

News

calendar icon24 gennaio 2023
Moltissime le iniziative culturali in regione in occasione della Giornata della Memoria. Anche Piemonte dal Vivo partecipa alla ricorrenza internazionale programmando proposte teatrali per spettatori di tutte le età.

Per la rassegna di teatro-scuola, allo Spazio Kor di Asti, fino al 26 gennaio, le matinée di Guido suonava il violino, un monologo teatrale tutto al femminile, che si dipana a mo’ di racconto giallo, assumendo le misteriose atmosfere di un thriller a carattere storico.

Un vecchio violino entra prepotentemente nella quotidianità di una donna, ricercatrice di professione, costringendola ad abbandonare il suo rassicurante e scientifico metodo di indagine e chiedendole di dedicarsi – anima e cuore – alla ricostruzione di una storia da salvare dall’oblio. Quel violino uscito dalla polvere di una cantina pare dotato di volontà propria: stride, geme, chiama con veemenza e ottiene ascolto. Esso racconta la vicenda di una famiglia ebrea sfollata ad Asti al tempo delle leggi razziali e della guerra, con gli immancabili risvolti di sradicamento, discriminazione, deportazione. Attraverso un sofferto percorso di ricerca, specialmente dentro di sé, la protagonista comprenderà che ritrovare il nome del proprietario del violino equivale ad affermare la sua esistenza: un atto di resistenza contro il sistema concentrazionario nazifascista, progettato per annientare, spersonalizzare. Chi sono i “sommersi”, chi i “salvati”, allora come oggi? Chi i complici? Quali i giusti? Dove si colloca la protagonista stessa – donna ed essere umano, prima ancora che investigatrice – nel suo mettersi in gioco, nel suo tentativo di svelare la verità attore a questa vicenda? Una storia dunque sulla Shoah, sebbene il nodo centrale non sia qui il lager, quanto piuttosto ciò che l’ha preceduto: la vita delle singole persone, con le loro gioie, miserie, speranze, scelte e legami.

Venerdì 27 gennaio, al Teatro Balbo di Canelli, inaugura la stagione È bello vivere liberi! di e con Marta Cuscunà. Lo spettacolo si ispira alla biografia di Ondina Peteani che a soli 17 anni si scopre incapace di restare a guardare l’oppressione del fascismo e sceglie di agire, cosciente e determinata, per cambiare il proprio Paese.

Il percorso di Ondina inizia con le riunioni clandestine della scuola di comunismo di Alma Vivoda, dove fioriscono i valori di emancipazione femminile e  parità tra uomo e donna. A 18 anni diventa staffetta partigiana, partecipando anche alla formazione della Brigata Proletaria e alla battaglia di Gorizia. La sua vicenda è stravolta bruscamente quando, a 19 anni, vive l’incubo della deportazione nazifascista come prigioniera politica. È bello vivere liberi! è uno spettacolo per riappropriarsi della gioia e delle speranze dei partigiani. Per riscoprire l’atmosfera vertiginosa di quel periodo della nostra storia in cui tutto sembrava possibile.

Potrebbero interessarti

News

I finalisti di CollaborAction XL 2022/23

Selezionati Jacopo Jenna, Francesco Marilungo e Sofia Nappi

calendar icon05 settembre 2022
News

#oltrelacittà arriva in Lavanderia

La terza tappa del progetto a Collegno.

calendar icon04 ottobre 2021

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!