Area stampa arrow-right icon

DIARIO DI UN DOLORE

Tratto dall’omonimo libro di Lewis e dall’autoritratto di Franz Ecke, collaboratore della rivista Frigidaire, un lavoro che ragiona sulle rappresentazioni possibili del dolore rispetto alle intimità di ciascuno.
“Nessuno mi aveva mai detto che il dolore assomiglia tanto alla paura. Non che io abbia paura: la somiglianza è fisica. Gli stessi sobbalzi dello stomaco, la stessa irrequietezza, gli sbadigli. Inghiotto in continuazione.” (C.S. Lewis)

Si può raccontare il proprio dolore senza il sospetto di star tradendo sé stessi e la propria intimità? Un regista chiede alla sua attrice di lavorare a una messa in scena che affronti il tema del dolore, a partire da Diario di un dolore di C.S. Lewis. Come si rappresenta il dolore e quali sono i limiti nella possibilità di raccontarlo? La propria biografia può diventare l’oggetto della messa in scena senza il rischio che venga usata a fini spettacolari? E come si fa a ripetere, sera dopo sera, la messa in scena di un dramma, non di finzione, ma reale? Staccandosi sempre più dal libro di Lewis, e dall’idea di metterlo in scena, emergono le domande che divengono il centro di un altro, inaspettato, spettacolo. Mentre il mondo ci invita a catturare e narrare momenti di felicità, scopriamo che abbiamo più che mai voglia di parlare di dolore.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito

DUB FX LIVE

calendar icon21 luglio 2024
map iconTorino - Parco della Tesoriera
clock icon21:30
Corto Circuito, Partnership

LidOdissea

calendar icon29 maggio 2024
map iconAsti - Spazio KOR
clock icon21:30
Corto Circuito

IL FENOMENO LAPLANTE

calendar icon15 novembre 2024
map iconNovara - Teatro Don Bosco
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!