Area stampa arrow-right icon

ELEGÌA DELLE COSE PERDUTE

L'opera si ispira al romanzo “I Poveri”, esplorando coreograficamente la separazione dell’essere umano dalle proprie radici e dalla propria identità accanto al sentimento di esilio - non solo geografico ma anche morale - che ne scaturisce.

Elegìa delle cose perdute è una riscrittura dal romanzo I Poveri dello scrittore e storico portoghese Raul Brandao. Il paesaggio evocato da questo riferimento letterario, in bilico tra crudo, aspro, onirico e illusorio, ha la forma dell’esilio, della nostalgia, della tedesca sehnsucht, della memoria come materia che determina la traccia delle nostre radici e identità e, al contempo, la separazione da esse e il sentimento di esilio morale che ne scaturisce. I quadri che compongono la narrazione diventano la mappa di un viaggio nei luoghi (interiori) dei personaggi de I Poveri: figure derelitte e però goffe al limite del clownesco, accomunate dal medesimo sentimento di malinconica nostalgia e desiderio di riscatto. Lo spazio che intercorre tra l’osservatore e queste storie (e tra queste storie e il sogno condiviso cui tendono) è una lontananza dal sapore leopardiano, la misura di un finibusterrae che è senso di precarietà, di sospensione nel vuoto, una grottesca parata di figure in transito, come clown di un teatro popolare che fiorisce da un anelito comune, che non ha bisogno di orpelli per accadere, che si racconta ovunque, in un prato, in un vicolo, un cortile, un qualunque luogo di vita (M. Augé), una stazione di posta di fronte al giorno che finisce, con i suoi orizzonti, le sue lontananze, i desideri proiettati al domani e i punti di fuga. Corpi e paesaggio dialogano in questa elegìa del vuoto che rimane, si riconoscono in un desiderio comune, una capriola del pensiero, in un incedere che è vertigine, abbandono al tempo sospeso e ciclico di un valzer, forma di una tristezza nostalgica nel suo incedere ciclico e sospeso, che chiede di essere celebrata, attraversata, dentro un desiderio non già di possesso ma di appartenenza. Ed ecco che dentro questa logica di colpo svanisce ogni idea di miseria o povertà possibile, non esiste più niente che possa essere davvero perduto.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito, We Speak Dance

SAVE THE LAST DANCE FOR ME

calendar icon20 aprile 2024
map iconRacconigi - Castello Reale
clock icon17:00
Stagione 2023-2024, We Speak Dance

HAPPY HOUR

calendar icon01 febbraio 2024
map iconSavigliano - Teatro Milanollo
clock icon21:00
Corto Circuito, Stagione 2023-2024, We Speak Dance

IN GIRUM IMUS NOCTE ET CONSUMIMUR IGNI

(Andiamo in giro la notte e siamo consumati dal fuoco) 

calendar icon24 marzo 2024
map iconRacconigi - S.O.M.S
clock icon17:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!