Area stampa arrow-right icon

INRI

I personaggi di questo racconto, dai colori grotteschi, paradossali, improbabili pur nella loro veridicità, si muovono sulla scena in un percorso temporale che imita quello di una sgangherata liturgia.

Parlano di una religione dai tratti “meridionali”, che profuma di mandarini sui presepi, che risuona di bolero nelle piazze dopo le sacre processioni, una religione di docili vecchiette rosario-munite ancora bardate in nero, il cui Dio, dopo la benedizione nel luogo imputato, le raggiunge tra le cose domestiche. C’è, nel loro mettere in danza le parole e il silenzio, una lingua del corpo in ostensione, una coreografia di passi, ora dolorosi, ora angelicati, giocata nella parodia di un bigottismo religioso e quotidiano che appartiene alla nostra cultura. C’è un universo sacro e profano, crudele e tenero, ironico e tragico nella liturgia di gesti, di genuflessioni sghembe, di posture scomode, di sgrammaticate maschere espressive che trasudano una goffaggine innocente.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito

UNO NESSUNO CENTOMILA

calendar icon26 luglio 2024
map iconCoazze - Villa Prever Tosco
clock icon20:45
Corto Circuito

UNA COSETTA COSĺ

calendar icon18 luglio 2024
map iconTorino - Parco della Tesoriera
clock icon21:30
Corto Circuito

AMLETO PRINCIPE DEI PALAZZI

calendar icon13 settembre 2024
map iconNovara - Casa Circondariale
clock icon18:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!