Area stampa arrow-right icon

JULIETTE

calendar icon08 luglio 2022
map iconVignale - Piazza del Popolo
clock icon21:30
Crediti

Twain physical dance theatre​
Coreografia e regia di Loredana Parrella​
Testi Aleksandros Memetaj
Progetto luci Gianni Melis/Luca Febbraro
Assistente alla coreografia Yoris Petrillo
Costumi Parrella/Formica

Sono passati più di 400 anni da quando la storia di Romeo e Giulietta, l’amore di due giovani, ostacolati dall’attrito tra le rispettive famiglie, dai vincoli del buon costume e dal fato scaldava i teatri londinesi. È la storia che più di tutte le altre opere di Shakespeare ancora scalda il cuore di giovani e meno giovani in tutto il mondo. C’è quel fantastico momento, nel V atto, in cui Giulietta si sveglia e trova di fronte a sé il corpo morto del suo Romeo, lo bacia nella speranza di morire avvelenata tra le sue labbra, poi estrae il pugnale e si uccide. Ma se in quel momento Giulietta avesse fatto una scelta diversa? Se invece di uccidersi col pugnale di Romeo, avesse accettato l’invito del frate a fuggire? Se fosse scappata, lontano, da sola? Se fosse cresciuta, si fosse innamorata di nuovo, se fosse diventata madre? Giulietta è morta ma Juliette decide di vivere, decide di strappare le pagine del libro che la chiudono in un vincolo eterno d’amore con Romeo. Decide di saltar fuori dalla storia, e scriverne una diversa, lasciandosi alle spalle la famiglia, il cugino defunto, la nutrice, Mercuzio, il frate, e pure il suo Romeo.

Juliette inizia un viaggio alla ricerca della sua libertà ma c’è una storia che la reclama costantemente. Ci sono delle persone costrette a vivere la tragedia da cui lei è scappata. C’è il suo Romeo che continua a proteggerla e ad amarla ad ogni respiro, c’è Mercuzio smarrito nei suoi sogni d’amore, ci sono i genitori di Juliette, bloccati e ciechi come due pilastri che devono sostenere il peso di questa storia (di un mondo) le cui chiavi sono custodite dal frate, condannato eternamente in un limbo, come un moderno Virgilio, e costretto a convivere con la sua colpa. Non è la bella Verona, ma l’inferno di Frate Lorenzo la cornice di questo viaggio all’interno dei personaggi di Juliette. Tra antichi rancori ed eterni atti d’amore incosciente, Juliette trascina il pubblico all’interno del suo viaggio, fatto di ricordi, tensioni e amori che non finiscono. Juliette è una lente di ingrandimento che mette a fuoco i tormenti dei padri e la fragilità delle madri, dona luce ai vani sogni dell’essere umano e ai suoi continui tentativi di cambiamento, rende onore al coraggio di chi parte e alla sofferenza di chi è costretto a rimanere.

Crediti

Twain physical dance theatre​
Coreografia e regia di Loredana Parrella​
Testi Aleksandros Memetaj
Progetto luci Gianni Melis/Luca Febbraro
Assistente alla coreografia Yoris Petrillo
Costumi Parrella/Formica

Potrebbero interessarti

Partnership

UNA COSA CHE SO DI CERTO

spettacolo in prima nazionale

calendar icon19 ottobre 2022
map iconCollegno - Lavanderia a Vapore
clock icon19:00
Partnership

HEXPLOITATION

spettacolo in prima nazionale

calendar icon25 ottobre 2022
map iconTorino - Teatro Astra
clock icon21:00
Partnership

UNA IMAGEN INTERIOR

spettacolo in prima nazionale

calendar icon12 ottobre 2022
map iconTorino - Teatro Astra
clock icon19:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!