Area stampa arrow-right icon

L'ALBERO DEI REGALI

I Racconti del Vento

"L’albero dei regali" è un albero speciale: sui suoi rami non crescono foglie, ma fogli, pagine che raccontano. I venti gli sussurrano storie che arrivano da lontano, lui le ascolta, le annusa, le assorbe, fino a riuscire a fare spuntare le parole sui suoi fogli/e. È un albero che regala storie, storie da leggere al fresco della sua ombra.

Fin da bambini i protagonisti di questa storia amavano andare a leggere i loro libri all’ombra di quell’albero. Uno leggeva e l’altro ascoltava, ma mai avrebbero pensato che ad ascoltare quei racconti ci fosse qualcun altro: l’albero. All’albero quei bambini facevano una gran compagnia, e lui, per contraccambiare, regalava loro la sua ombra e il suo solido tronco dove appoggiarsi. L’albero amava quel contatto, riusciva a sentire le vibrazioni di quando si emozionavano o si spaventavano leggendo quelle storie. Anche quei bambini, crescendo, iniziarono a percepire sempre di più quel contatto. Percepivano sempre più distintamente che, quando leggevano i loro libri, quell’albero abbassava i suoi rami per ascoltare quelle storie insieme a loro. Divennero con gli anni grandi amici. In fin dei conti, pensavano, che loro erano come quell’albero: il tronco la colonna vertebrale, la corteccia la pelle, la linfa il cuore e il sangue che da nutrimento e forza. E come gli uomini anche gli alberi sono esseri sociali: comunicano tra loro, condividono il cibo, si prendono cura l’uno dell’altro e, quando sono insieme, sono più forti. L’albero e i ragazzi, insieme, sono cambiati e sono cresciuti con la passione per i racconti. Per questo non fu un grande sforzo per l’albero trasformare le sue foglie in fogli e il passo successivo fu riempire quei fogli/e bianchi di parole e di storie. Iniziò ad ascoltare i venti, che lo sfioravano, sussurrandogli storie lontane che poi l’albero regalava ai suoi amici. I due ragazzi non dovevano far altro che prendere quelle storie e farle viaggiare, come il vento, di paese in paese. Oggi quei ragazzi son diventati due Contastorie che amano tornare, quando possono, dal loro amico albero.

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!