Area stampa arrow-right icon

L'ANARCHICO NON È FOTOGENICO

“Una sofisticata clownerie intellettuale, un gioco verbale alle soglie dell’assurdo”.

Due cow-boy, poi improbabili danzatori, o forse solo due esseri in bilico ai limiti del paradosso. Sui margini di questo confine si pongono le due figure attraversando ciò che necessita di essere  ripensato, dal rapporto con la morte a quello con la bellezza, dal senso del teatro alla sua relazione con lo spettatore (e ancora: dove si colloca oggi il teatro contemporaneo, in quale  organo del corpo sociale? Nella mente o nello stomaco, in attesa di essere digerito? O tenta acrobaticamente una sintesi che appaghi l’una e l’altra istanza?). Sfiorando il surreale per far risaltare il reale si tenta di scombinare le vecchie strutture e realizzare nuove combinazioni, in una partitura dialettico-gestuale dall’efficacia penetrante, incisiva, politica, sollecitando un intelletto disobbediente e operativo, complice un testo che passo dopo passo si oppone all’opinione comune e alle mistificazioni del buon senso.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito

LA SPOSA BLU

di e con Silvia Battaglio

calendar icon22 gennaio 2023
map iconVercelli - Museo Borgogna
clock icon18:00
Corto Circuito

VENERE E ADONE

di e con Roberto Latini

calendar icon17 febbraio 2023
map iconVercelli - Teatro degli Anacoleti
clock icon21:00
Corto Circuito

LA FORESTA

calendar icon18 marzo 2023
map iconIvrea - Movicentro ZAC!
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!