Area stampa arrow-right icon

La tragedia si sta per compiere e Amleto dedica al pubblico la sua morte, di lì a poco il suo corpo verrà portato sul palco e i cannoni annunceranno al cielo che un nobile uomo è caduto. A Orazio il compito di non lasciarne il nome ferito, di raccontarne le gesta: che se solo ne avesse avuto l’occasione avrebbe dimostrato al mondo tutto il suo valore, peccato… peccato che la morte lo abbia privato del suo nobile destino e gli abbia riservato un posto tra i miti. Il suo dolore, come quello di Jim Morrison o Kurt Cobain rimarrà eternamente giovane: diventerà leggenda e i suoi affezionati ammiratori, nei più diversi adattamenti, potranno riascoltare i suoi pensieri Ma quando della morte rimane solo il silenzio e l’odore, quando i personaggi hanno compiuto il loro tragico destino, quando il pubblico ha consumato il suo pasto e sazio dell’eroe che pensa ha lasciato il teatro per rientrare nella sua quotidianità lasciandosi alle spalle l’artificiosa morte, chi si occupa di seppellire i sogni perché il giorno dopo rifioriscano? È davanti ad una platea vuota che prende forma la figura della nostra riscrittura scenica, quella del becchino. A lui il compito di cancellare le tracce della tragedia, di raccogliere i feticci dei personaggi, di seppellire i loro desideri, i loro pensieri, i loro sogni, di cancellare i segni del loro passare perché la sera dopo li lascino come se non avessero mai percorso quella strada.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito, Stagione 2022-2023

LA GIOVINEZZA È SOPRAVVALUTATA

Con Paolo Hendel

calendar icon03 dicembre 2022
map iconAvigliana - Auditorium Eugenio Fassino
clock icon21:00
Corto Circuito

ANTIGONE_WEB

“E così tu sei Manning”

calendar icon04 dicembre 2022
map iconChiaverano - Teatro Bertagnolio
clock icon21:00
Corto Circuito, Stagione 2022-2023

L’UOMO CHE AMAVA LE DONNE

calendar icon14 gennaio 2023
map iconSpigno Monferrato - Teatro Comunale
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!