Area stampa arrow-right icon

LIVORE

"Io sono più bravo di lui. Io merito ciò che ho e ho quel che merito. La gente mi ama, Dio mi ama. La gente mi ama, Dio mi ama. La gente mi ama, Dio mi ama "

Livore  è un motore che corre dentro l’umano. Istintivo, primitivo, ineluttabile. Frenarlo, contenerlo è impresa impossibile. Abita nel profondo dell’animo e si nutre di quella assoluta solitudine.  

Livore è una scrittura che prende spunto dal mito del Mozart e Salieri e scava nelle ragioni dell’invidia nel mondo contemporaneo. Due attori, uno di talento e senza una lira, l’altro mediocre ma di successo, aiutato nella sua scalata da un fidanzato/agente capace di costruire una rete di rapporti in grado di “valorizzare” la sua incapacità. Poche ore prima di una cena con “la gente che conta” l’attore di talento fa irruzione in casa della coppia dando inizio a un match all’ultimo sangue in cui la finzione dei rapporti umani si troverà a fare i conti con la verità dell’azione scenica. Un campo minato dove la vita trattenuta deflagrerà e le parvenze ostentate si ridurranno in frantumi. 

Potrebbero interessarti

Partnership

L’ISOLA DI BOUVET

Un progetto di Marco D’Agostin

calendar icon25 marzo 2023
map iconAsti - Spazio KOR
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!