Area stampa arrow-right icon

MA PER FORTUNA CHE C’ERA IL GABER

Viaggio tra inediti e memorie di Signor G

In occasione del ventennale della sua scomparsa, Gioele Dix rende omaggio al talento inimitabile di Giorgio Gaber, l’artista da molti considerato come il migliore interprete delle aspirazioni di giovani che – per citare le parole di una sua canzone – “stavano cercando, magari con un po’ di presunzione, di cambiare il mondo”. Grazie alla sua sensibilità (e a quella del suo straordinario compagno di scrittura Sandro Luporini), Gaber ha saputo intercettare gli umori di una generazione vitale, polemica, inquieta, spesso anticipandone contraddizioni e cambi di rotta. 

“Vedere Giorgio Gaber a teatro era un’esperienza che ti segnava. Niente a che vedere con un comune spettacolo o concerto. Sul palco sprigionava energia pura. Grazie alla sua potenza espressiva, sapeva dare corpo alle parole come nessun altro. Era capace di farti ridere, emozionare, indignare. Era un pensatore e un incantatore. Andavi a vederlo una volta e volevi tornare a rivederlo una seconda e poi una terza. Nei primi anni Settanta sono stato uno sfegatato gaberiano, uno dei tanti.” 

Gioele Dix 

 

Potrebbero interessarti

Corto Circuito, Stagione 2023-2024

SOLO QUANDO LAVORO SONO FELICE

calendar icon20 aprile 2024
map iconArquata Scrivia - Teatro della Juta
clock icon21:00
Stagione 2023-2024, We Speak Dance

STORIE

Coreografie Diego Tortelli e Philippe Kratz 

calendar icon09 maggio 2024
map iconVercelli - Teatro Civico
clock icon21:00
Stagione 2023-2024

UNA PICCOLA ODISSEA

calendar icon10 maggio 2024
map iconFontanetto Po - Teatro Auditorium Viotti
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!