Area stampa arrow-right icon

SHTETL!

Shtetl significa semplicemente villaggio, eppure nel momento stesso in cui questa parola viene pronunciata, scatena in ognuno di noi il ricordo di quella realtà secolare che in pochi anni fu spazzata via dalla ferocia del nazismo. Lo shtetl ha i colori di Marc Chagall e il bianco e nero di Kacyzne o Vishniac, che congelarono nei fotogrammi, centinaia di scatti di vita ebraica nell’est Europa, in particolare in Polonia; lo shtetl ha i suoni dei racconti di Isaac Singer e di Shalom Aleichem o della musica klezmer, dall’ebraico kley e zemer, gli strumenti del canto. Shtetl, con i Mishkalé, racconta di radici e strappi, di viaggi ed esili, in un alternarsi di racconti, musica e canto, in un universo di emozioni.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito, Partnership

CONCRETE 00

calendar icon24 agosto 2024
map iconReggia di Venaria - Canale d'Ercole
clock icon15:00
Corto Circuito

COPPA DEL SANTO

Agonismi e miracoli al tempo del distanziamento sociale

calendar icon13 luglio 2024
map iconIvrea - Cortile Museo Garda
clock icon21:30
Corto Circuito

UNO NESSUNO CENTOMILA

calendar icon26 luglio 2024
map iconCoazze - Villa Prever Tosco
clock icon20:45

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!