Area stampa arrow-right icon

Sid. Italiano. Origini algerine. Quindi anni. Forse sedici, forse diciassette. Veste sempre di bianco, perchè il bianco è il colore del lutto per i musulmani. Vive come uno dei tanti ragazzi di una delle tante periferie dell’Occidente. Vive nel mondo drogato della società dello spettacolo. Per uscire dalla disperazione e della noia di nascosto legge, ascolta musica, vede film. Recita. Recita sempre. Fino a dimenticare di essere Sid. Colleziona sacchetti di plastica, di carta, di tessuto, di materiale biodegradabile. Tutti, rigorosamente firmati. Bello, intelligentissimo, raffinato lettore, perfettamente padrone delle più sottili sfumature della lingua. Ha ucciso. Probabilmente per noia. Sicuramente per uno scopo più alto. Uccide soffocando la sue vittime nei sacchetti di plastica alla moda. La sua storia è un film “senza montaggio”, un torrenziale monologo che è un concerto Hip Hop suonato dal vivo: scorrono schegge di vita, di bullismo, di consumo, di ragazzi annoiati, dei “fuck you”, di canne, droga, desolazione, di vagabondaggi nei “tempi del consumo”.

Potrebbero interessarti

Corto Circuito

LETTERE DALLE CITTÀ BIANCHE

calendar icon11 marzo 2023
map iconCasalborgone - Teatro San Carlo
clock icon21:00
Corto Circuito

VUOTI D’AMORE

calendar icon11 marzo 2023
map iconArona- Teatro san Carlo
clock icon21:00
Corto Circuito

PIAZZOLLA PORTRAIT

calendar icon10 dicembre 2022
map iconPiossasco - Teatro il Mulino
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!