Area stampa arrow-right icon

SONATE E FANTASIE

Crediti

Martino Maina violoncello
Chiara Biagioli pianoforte
produzione Orchestra Filarmonica di Torino

Biglietteria

Per i dettagli su i prezzi, le formule di abbonamento e le modalità di acquisto clicca qui 

 

Robert Schumann (1810-1856)

Fantasiestüke per violoncello e pianoforte op. 73 [1849]

Zart und mit Ausdruck (“Delicato ed espressivo”)

Lebhaft, leicht (“Vivace, leggero”)

Rasch und mit Feuer (“Velocemente e con fuoco”)

 

 

Ludwig van Beethoven (1770-1827)

Sonata n. 4 per violoncello e pianoforte in do maggiore op. 102 n. 1 [1815]

Andante – Allegro vivace

 Adagio – Allegro vivace

 

Johannes Brahms (1833-1897)

Sonata n. 2 per violoncello e pianoforte in fa maggiore op. 99 [1886]

Allegro vivace

Adagio affettuoso

 Allegro passionato

 Allegro molto

Alcuni dipinti, raffigurando un particolare soggetto, svelano immediatamente l’identità della persona che ha servito loro da fonte d’ispirazione. Questa diretta associazione nella musica risulta talvolta meno intuitiva e per poter scoprire chi abbia suggerito o addirittura contribuito alla nascita di un’opera è necessario sbirciare al di là della partitura, nella vita del suo autore. È il caso ad esempio dei tre brani presentati in programma stasera i quali, ciascuno a suo modo, nacquero da un’affinità intellettiva, quando non da un’amicizia, tra il compositore e un musicista di straordinario talento.

La nascita del Fantasiestüke, scritto originariamente per clarinetto e pianoforte, si deve infatti all’amicizia maturata fra Robert Schumann e il clarinettista Johann Gottlieb Kotte durante un periodo di allontanamento da Dresda al tempo dei violenti moti rivoluzionari del 1849. Il suo titolo, alludente alla fantasia, evoca in parte «un tentativo di evasione» dalla difficile situazione che stava interessando la città in cui Schumann risiedeva, attraverso una composizione in grado di coniugare, nella sua brevità, gli accenti d’animo più contrastanti.

Una complessità a tratti umbratile e poi improvvisamente più vivace che abita anche la Sonata op. 102. A ispirare in Beethoven il desiderio di scriverla fu il violoncellista Joseph Lincke, conosciuto nel 1815 durante un periodo di residenza estiva presso la contessa Anna Marie Erdöldy, grande estimatrice del compositore tedesco. Questo capolavoro della letteratura cameristica rappresenta uno degli ultimi lavori che Beethoven dedicò alla scrittura per il duo violoncello-pianoforte e, per via del suo linguaggio, segna per molti studiosi l’inizio dell’“ultimo periodo” beethoveniano, caratterizzato da uno sguardo rivolto sempre più alla sperimentazione.

Infine, dietro alla Sonata op. 99 si cela il nome del violoncellista Robert Hausmann, amico di lunga data cui Brahms dedicò nel 1886 una delle pagine più commoventi del suo repertorio cameristico. Il primo movimento ci introduce alla Sonata con agitazione, facendo eseguire dei tremolandi – ovvero la rapida ripetizione di una nota o di un accordo – al pianoforte, peculiarità che al tempo indispettì alcuni violoncellisti che si lamentavano di non riuscire a far emergere a sufficienza il suono del proprio strumento. In questo primo movimento, così come in tutta la Sonata, sarà compito dunque dei due musicisti prestare la massima attenzione l’uno al discorso musicale dell’altro, all’insegna di un perfetto equilibrio.

Crediti

Martino Maina violoncello
Chiara Biagioli pianoforte
produzione Orchestra Filarmonica di Torino

Biglietteria

Per i dettagli su i prezzi, le formule di abbonamento e le modalità di acquisto clicca qui 

 

Potrebbero interessarti

Corto Circuito

SID – FIN QUI TUTTO BENE

Fin qui tutto bene

calendar icon12 luglio 2024
map iconNovara - Complesso Cittadella (Tetti Verdi)
clock icon21:30
Corto Circuito

ORIZZONTE BLU

Storie Migranti

calendar icon23 maggio 2024
map iconTorino - CineTeatro Baretti
clock icon20:00
Corto Circuito

SPIRITO SPAGNOLO

calendar icon31 maggio 2024
map iconBaveno - Centro Culturale Nostr@domus
clock icon21:00

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!