Area stampa arrow-right icon

STATO DI GRAZIA

"Darei l'intera Montedison per una lucciola". scriveva nel 1975 Pasolini, poco prima di morire, in un'accorata lettera pubblicata sul Corriere della Sera.

 

Da questa suggestione e da uno sguardo lanciato nella notte, nasce Stato di Grazia. L’urgenza, la necessità, è di dedicare uno sguardo attento alla delicatezza, alla fragilità̀ che riguardano l’umano e alla sua possibilità̀ di proiettare la luce di quella visione friabile, gentile e intermittente nell’oscurità̀ del panorama attuale. Una danza d’amore dai codici luminosi ma misteriosi che può tornare a esistere e resistere.

C’è analogia tra l’immagine della lucciola così descritta e quella di chi fa del proprio corpo con il gesto, l’emozione e la relazione, il contatto, il movimento del corpo nello spazio, la visione, uno strumento di comunicazione e traduzione della propria realtà̀ fragile. Piccole comunità̀ resistenti di artigiani della sensibilità̀ e del movimento.

Necessario quindi il tema dello Stato di Grazia inteso come condizione terrestre, incarnata e possibile. “Nella grazia c’è tutto e ancora di più̀. È il sorprendente ma non il perturbante. Accade, infatti, un tempo che è il suo – il tempo favorevole – manifestandosi all’improvviso. Stupisce ma non spaventa, perché́ la conseguenza della sua manifestazione è sempre un’aggiunta di bene, un incremento nel positivo, cui corrisponde un sentimento di piacere e gioia. Quando accade, essa non toglie nulla, aggiunge, dona, dà. Sorprende perché́ supera anche il desiderio, attraverso la donazione dell’inatteso, e così ottiene la felicità possibile, in quegli accadimenti che si sono rivelati maggiori delle speranze” . (A.Cislaghi, Charme e Chance editoriale di Spazio Filosofico 2016).

STATO DI GRAZIA ha come sottotesto concettuale la visione critica di Didi- Huberman in “Come le Lucciole- per una politica della sopravvivenza”, la poesia spirituale ispirata al concetto di pietas e vuoto inaugurale della filosofa A. M. Zambrano e l’ontologia fondata sul senso incarnato e sullo spazio in cui i corpi si toccano dando luogo al “corpo del senso” del filosofo Jean Luc Nancy.

Potrebbero interessarti

Partnership, TJF - Piemonte

THE SINNER AND THE SAINTS

Gospel and Blues Night

calendar icon21 giugno 2024
map iconBruino - Piazza Municipio
clock icon21:30
Partnership, TJF - Piemonte

GWEN CAHUE & BAPTISTE BAILLY

Storyboard

calendar icon26 settembre 2024
map iconAlmese - Auditorium Magnetto
clock icon21:00
Partnership

TOTEM TANGO

calendar icon03 luglio 2024
map iconVignale - Giardini alti di Palazzo Callori
clock icon21:30

Rimani aggiornato sulle novità!

Rimani aggiornato sulle novità!